Panorama.it : I pensionati frodati all’assalto di Susanna

http://www.panorama.it/

Foto: la pagina 26 dell’articolo di Panorama in edicola l’1 Ottobre

http://www.pressreader.com/italy/panorama/20151001/281659663855041/TextView

I pensionati frodati all’assalto di Susanna

Condannato in Svizzera l’ex direttore dell’Inca Cgil. Camusso e il ministero si chiamano fuori. Ma partono le cause.

  • Panorama
  • Emeno male che la sua mission ufficiale è «difendere i diritti dei lavoratori, delle lavoratrici e di tutti i cittadini italiani, anche residenti all’estero». Complimenti all’Inca, il patronato della Cgil, 70 anni di storia, 5 milioni di assistiti in Italia e 600 mila oltre confine: il 16 settembre il tribunale di Zurigo ha condannato a nove anni di carcere Antonio Giacchetta per truffa, falso e appropriazione indebita. Era il direttore della sede elvetica del patronato e tra il 2001 e il 2009 si è appropriato delle pensioni di 76 assistiti, circa 12 milioni di franchi svizzeri sperperati in orologi di lusso, prostitute e perfino, ha ammesso, per mantenere cinque amanti in contemporanea.

    Secondo la corte elvetica, per nove anni Giacchetta ha speso sui 45 mila franchi al mese, quando il suo stipendio non supe- rava gli 8 mila: ha fatto la bella vita «con grande egoismo e senza il minimo scrupolo». Licenziato. Ma in casa Cgil adesso si apre un bel problema. Chi restituisce quei soldi? Nel febbraio 2013 i giudici avevano condannato l’Inca Svizzera a rifondere il danno, ma l’associazione, che operava in convenzione con Inca Italia utilizzandone logo e marchio, è stata sciolta a ottobre sottraendosi a ogni responsabilità nei confronti dei truffati.

    «Nel 2012 hanno chiamato la polizia per farci sgomberare quando siamo andati a chiedere chiarimenti e assistenza» racconta Marco Tommasini, fondatore del comitato che rapprsenta le vittime, compreso suo padre. «L’Inca-Cgil italiana e il ministero del Lavoro, cui spetta la vigilanza sui patronati, devono risarcirci. È a causa della loro negli- genza che Giacchetta ha potuto rubare per anni». Inca Italia, però, si è chiamata fuori. Idem Susanna Camusso, che in audizione al Senato è stata lapidaria: la Cgil non ha colpe, ergo non caccerà un euro.

    E il ministero del Lavoro? «Missing. Niente ispezioni annuali previste dalla legge sui patronati prima, e niente aiuti alle vittime dopo» assicura il senatore Aldo Di Biagio, Ap, che con i pd Claudio Micheloni e Franco Narducci, ha cercato di smuovere governo e parlamento. Niente. Così una delle vittime, Cosmo Covello, 70 anni, ha fatto causa all’Inca e al ministero, chiedendo di riavere 302.312,39 euro. Prossima udienza a marzo, al tribunale di Roma. E su col morale: «Ovunque ti trovi, Inca difende i tuoi diritti».

    (Laura Maragnani)

     

    L’articolo completo su Panorama in edicola l’1 Ottobre

     

    Lascia un commento

    Torna su