NOTIFICATA ALLARGATA PER VENEZUELA E UCRAINA: LA CONFSAL UNSA E’ LIETA DI COMUNICARE AI PROPRI ISCRITTI IL CONTENUTO DEL MESSAGGIO APPENA DIRAMATO DALLA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE

NOTIFICATA ALLARGATA PER VENEZUELA E UCRAINA: LA CONFSAL UNSA E’ LIETA DI COMUNICARE AI PROPRI ISCRITTI IL CONTENUTO DEL MESSAGGIO APPENA DIRAMATO DALLA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE

Il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 18 marzo 2014 ha espresso parere favorevole per le seguenti delibere:

– In considerazione del deteriorarsi delle condizioni di sicurezza in Venezuela, l’estensione del beneficio della notifica allargata a favore del personale di ruolo della I e della II Area – nonché al personale dell’Arma dei Carabinieri con funzioni di sicurezza e vigilanza e a quello dell’Ufficio dell’Addetto alla Difesa – in servizio nelle sedi in Venezuela, ai sensi dell’articolo 34, ultimo comma, del D.P.R. n. 18/1967, per un periodo di sei mesi, eventualmente prorogabile a seconda dell’evolversi della situazione o da revocare al venire meno delle condizioni che lo giustificano.Per gli stessi motivi, nella stessa seduta, il Consiglio di Amministrazione si è espresso favorevolmente circa la concessione del passaporto di servizio agli impiegati a contratto di cittadinanza italiana in servizio presso le sedi del Venezuela per un periodo di sei mesi, eventualmente prorogabile a seconda dell’evolversi della situazione o da revocare al venire meno delle condizioni che lo giustificano.

-Alla luce dell’evoluzione della situazione politica e delle condizioni di sicurezza in Ucraina, l’estensione del beneficio della notifica allargata a favore del personale di ruolo della I e della II Area – nonché al personale dell’Arma dei Carabinieri con funzioni di sicurezza e vigilanza e a quello dell’Ufficio dell’Addetto alla Difesa – in servizio all’Ambasciata d’Italia a Kiev, ai sensi dell’articolo 34, ultimo comma, del D.P.R. n. 18/1967, per un periodo di sei mesi, eventualmente prorogabile a seconda dell’evolversi della situazione.

Alla pronuncia del Consiglio di Amministrazione farà seguito l’apposito decreto dell’On. Ministro attualmente in corso di predisposizione. 

Lascia un commento

Torna su