ROMA – “Vaccinare tutta la rete diplomatico-consolare italiana nel mondo. Dai diplomatici – Ambasciatori e Consoli -, ai funzionari, agli impiegati, fino ai contrattisti e ai digitatori. Tutti, ma proprio tutti coloro che operano e lavorano presso le nostre sedi diplomatico-consolari all’estero, svolgono un lavoro fondamentale per gli italiani nel mondo; si tratta di persone che hanno una funzione essenziale e che quindi dovranno tutte essere vaccinate”. Così il sen. Ricardo Merlo –  presidente Maie e già sottosegretario  agli Esteri nei due governi presieduti da Giuseppe Conte –  secondo cui una delle strade potrebbe essere “la reciprocità tra i Paesi”. Un esempio per tutti: “l’Italia si impegna a vaccinare tutto il personale della rete diplomatica brasiliana presente nel nostro Paese e il Brasile, a sua volta, vaccinerà chiunque presti servizio presso Ambasciata e Consolati d’Italia presenti nel Paese sudamericano. Tutto questo, per consentire agli operatori della rete consolare di lavorare anche in presenza e così garantire i servizi ai connazionali di tutto il mondo”. E’ proprio questa la proposta lanciata dal senatore eletto nella circoscrizione Estero-ripartizione America Meridionale e  che oggi ha messo nero su bianco in una lettera inviata al ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Se tale proposta non fosse gradita, per qualsiasi motivo, o risultasse poco fattibile, invito l’esecutivo a studiarne un’altra, sempre con l’obiettivo di assicurare la vaccinazione prima possibile a tutta la rete diplomatico-consolare italiana”, conclude Merlo nella sua missiva. “Il ministro Di Maio – fa sapere il senatore – ha ricevuto la mia comunicazione e me ne ha dato subito riscontro positivo, assicurandomi massimo impegno da parte sua. Come Maie – conclude Merlo – continuiamo a lavorare senza sosta per gli italiani all’estero, ovunque essi siano”.(Inform)

LA PANDEMIA INCOMBE, IL DL SOSTEGNI PREVEDE RIMBORSI IN MATERIA SANITARIA, IL RECOVERY PLAN STANZIA 20 MLD PER SANITA’, MA LO STATO ITALIANO TAGLIA PRESTAZIONI
AI DIPENDENTI ITALIANI DEL MAECI NEGLI USA 
SENZA PREAVVISO E SENZA RAGIONE

“Da inizio pandemia non si fa altro che puntare il dito contro l’infame prassi di tagliare i fondi alla sanità che ha, negli anni, condotto alla debolezza ben nota del sistema sanitario e, nel contempo, si è ribadita l’importanza di garantire ai cittadini adeguati livelli di assistenza, soprattutto in una fase tanto delicata. Malgrado tutto questo, lo Stato italiano taglia dalla sera alla mattina i fondi per le coperture assicurative sanitarie dei lavoratori MAECI negli USA, alimentando tra i dipendenti smarrimento e ansia per il futuro”. Lo dichiara in una nota Iris Lauriola, Segretario Nazionale della Confsal Unsa Esteri.

“Ci troviamo dinanzi all’ennesimo paradosso made in Italy: proclami, susseguitisi in questi ultimi 12 mesi, tesi ad implementare gli strumenti assistenziali e le garanzie di salute, legittimati dai 19,72 miliardi previsti per il sistema sanitario nell’ambito del recovery Plan e, in ultimo, dalle disposizioni DL sostegni che prevedono un fondo da un miliardo di euro, per concorrere al rimborso delle spese sanitarie sostenute dalle regioni – spiega – che si accostano vergognosamente a disposizioni limitative varate in camera caritatis senza un confronto preventivo, senza una nota esplicativa e con l’ambizione di essere direttamente attuative senza consentire la benchè minima riorganizzazione ai nostri dipendenti all’estero”.

“Infatti – racconta Lauriola – in queste ore nelle sedi statunitensi è stato comunicato al nostro personale che vi saranno variazioni in merito alle coperture sanitarie per coloro che sono assicurati con l’Assicurazione Blue Cross, vale a dire tutti i dipendenti - il personale diplomatico, il personale di ruolo ed il personale a contratto a legge italiana - assoggettati al welfare italiano.

Queste variazioni comporteranno un depennamento delle prestazioni sanitarie precedentemente rientranti nella garanzia assicurativa, in primis le prestazioni medico-specialistiche psichiatrico-neurologiche e le terapie riabilitative, oltre che la fruizione di circa 5000 farmaci accessibili con prescrizione medica che dal 1 aprile p.v. non saranno più concessi gratuitamente. Paradossalmente non sembrerebbe esserci nemmeno una procedura chiara ed univoca per i soggetti fragili, che in teoria potrebbero accedere gratuitamente alle citate prestazione ma che saranno soggetti alla discrezionalità dell’ufficio Amministrativo della sede che vaglierà case by case la sussistenza della legittimità della deroga”.

“Quanto si sta verificando in queste ore indigna e disgusta non soltanto per le modalità predilette, in assenza del benché minimo rispetto verso i dipendenti e in aggiunta a misure già fortemente penalizzanti in una stagione di insicurezza sanitaria, come la privazione del diritto al lavoro agile – conclude Lauriola - ma anche perché si inserisce in uno scenario di complessità fatto di vacanze di organico, di liste di trasferimento notoriamente deserte e di scarso appeal al trasferimento oltre confine, che potrebbe subire un amplificazione a seguito di iniziative come queste. Nelle prossime ore verrà depositata un’interrogazione al Ministro Di Maio in occasione del question time previsto per i prossimi giorni, per pretendere un chiarimento ed un intervento immediato dello Stato in uno scenario di assoluto abbandono”.

Roma, 25.3.2021                                               CONFSAL UNSA COORDINAMENTO ESTERI

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08635
presentato da
SIRAGUSA Elisa
testo di
Venerdì 19 marzo 2021, seduta n. 471
SIRAGUSA. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. — Per sapere – premesso che:

ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 18 del 1967, articolo 93, il personale dell'amministrazione degli affari esteri «è costituito dalla carriera diplomatica, (...), dalla dirigenza e dal personale delle aree funzionali (...), nonché dagli impiegati a contratto in servizio presso le rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari e gli istituti italiani di cultura»;

Leggi tutto...

Altri articoli...

  1. On.le SIRAGUSA: INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/08641
  2. Festa delle donne 2021
  3. BALLE, BALLE E ANCORA BALLE DAL SOTTOSEGRETARIO MARINA SERENI IN RISPOSTA AL QT DELL’ON. NISSOLI SUGLI ADEGUAMENTI STIPENDIALI SULLA RETE ESTERA
  4. Interrogazione parlamentare presentata dall'On.le NISSOLI: riadeguamento del fondo destinato alla rimodulazione salariale del personale
  5. RETE ESTERA MAECI – CONFSAL UNSA ESTERI, MILLEPROROGHE SACRIFICATO PER QUIETO VIVERE DEL NUOVO MAXI-GOVERNO. UN’ALTRA OCCASIONE PERSA PER DARE DIRITTI AI LAVORATORI A CONTRATTO. PRONTO QUESTION TIME IN COMMISSIONE ESTERI
  6. Concorso Ministero Affari Esteri – 400 Collaboratori Amministrativi e Tecnici – MAECI – La prova preselettiva
  7. Concorso, per esami, a 375 posti di collaboratore di amministrazione, contabile e consolare, seconda area F2, e a 25 posti di collaboratore tecnico per i servizi di informatica, telecomunicazioni e cifra, seconda area F2, del Ministero degli Affari Ester
  8. Scomparsa del nostro collega Gabriel-Calcagno
  9. Comunicato stampa: attentato Ambasciatore luca Attanasio
  10. Prestito dbEasy

Pagina 5 di 249

PA Magazine

PAmagazineLogo

CONVENZIONI UNSA

Convenzioni Confsal Unsa

Unsa Esteri on Facebook

Area riservata agli iscritti

MANIFESTO DI ADESIONE AL COORDINAMENTO ESTERI DELLA CONFSAL UNSA
RASSEGNA STAMPA

YouTube Unsa channel

Who's Online

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online