Riforma contrattuale Brasile

Siamo finalmente giunti al dunque in Brasile: la revisione dei contratti individuali di lavoro dei colleghi

assunti localmente è stata portata a termine.

Dopo lunghe ed estenuanti trattative con la Farnesina, che hanno visto l’attivazione in loco del nostro

rappresentante sindacale, Leonardo Guerrieri, coadiuvato da Pasquale Matafora, ai quali vanno i

nostri più sentiti ringraziamenti, e a Roma il coordinamento, presso la nostra Segreteria, dell’ attività di

confronto/contrattazione con la DGRI, siamo riusciti ad ottenere i seguenti risultati:

1) la revisione dei contratti avverrà tramite atto aggiuntivo e non con la stipula di un nuovo contratto;

2) le retribuzioni sono definitivamente “convertite” (e non fissate!) da Euro a Reais;

3) riferimento all’indice ufficiale di inflazione all’interno della clausola per la valutazione

dell’andamento del costo di vita in ordine agli adeguamenti retributivi;

4) la decorrenza sarà il 1/02/2016 al tasso di cambio di R$ 4,3805;

5) eliminazione della clausola di indennizzo per licenziamento senza giusta causa;

6) pensionamento obbligatorio ai 70 anni di età per il personale di sesso maschile (rimane invariato

sulla base della norma locale il pensionamento volontario ai 65 anni);

7) la firma degli atti aggiuntivi, già avvenuto presso alcune sedi, sarà concluso nel più breve tempo

possibile.

La revisione dei contratti brasiliani è stata resa possibile grazie all’emanazione del decreto

interministeriale MAECI / MEF n. 1153 dell’8 maggio 2015 a seguito delle numerose vertenze avviate

presso i tribunali del lavoro brasiliani e fortemente sostenute dal nostro Sindacato – sul pagamento in

moneta locale delle retribuzioni del personale assunto in loco .

Nel corso di questo complesso esercizio il nostro Sindacato si è attivato, innanzi tutto, per evitare

una reformatio in peius degli attuali disposti contrattuali nonché per garantire, negli atti aggiuntivi

ovvero nei futuri nuovi contratti, l’applicazione delle norme locali, qualora più favorevoli.

Esprimiamo ancora una volta i nostri più vivi ringraziamenti a Leonardo e Pasquale per il lavoro svolto,

nella speranza che il risultato ottenuto rispecchi in toto le richieste/aspirazioni dei nostri aderenti in

Brasile.

Roma, 1.3.2016

CONFSAL UNSA COORDINAMENTO ESTERI

Lascia un commento

Torna in alto